Ministero della Difesa condannato a risarcire 1.200.000 euro per rischi per la salute dei militari impiegati nella ex Jugoslavia, derivanti da bombardamenti e da proiettili all'uranio impoverito (DU), effettuati nelle suddette zone di guerra.