Maresciallo giudicato responsabile di un ammanco di cassa di Euro 812.999,48 e sulla base degli stessi accertamenti condannato per peculato dal Tribunale Militare di Roma. Il danno è stato ridimensionato in appello in ragione delle dichiarazioni del perito che ha determinato sulla base della documentazione esaminata il danno in Euro 608.841,10.